Onoranze funebri Maizzi Foggia

- - Onoranze Funebri Maizzi - -

  • Onoranze funebri Maizzi
  • Onoranze funebri Maizzi
  • Onoranze funebri Maizzi
  • Onoranze funebri Maizzi
  • Onoranze funebri Maizzi

come nasce

Onoranze funebri

<<Mio Padre era un'artista. Tutti qui a Foggia si ricordano di lui anche perchè molti, in casa, hanno un oggetto da lui forgiato, come per esempio una teglia per la pizza o un'oliera>>. E' un ricordo ancora commosso quello che Paolo fa del padre Aurelio.

Oggi è lui a condurre l'impresa Maizzi ma a fondarla è stato proprio il padre, scomparso nel 1989 a soli 56 anni quando Paolo aveva appena 24 anni. <<Papà faceva lo stagnino, si dedicava, quindi, alla lavorazione del rame producendo utensili da cucina, riparando pentole e realizzando grondaie. Oltre a questo, gli impresari della zona gli commissionavano gli zinchi per le casse. Sono stati questi i suoi primi contatti con il settore delle estreme onoranze funebri, fino a che, nel 1974, ha aperto un'impresa.

Questa nuova attività però>>, continua Paolo, << non gli ha impedito di continuare il mestiere di stagnino, proprio perchè, in fondo era quella la sua grande passione. E' stato un maestro di vita e mi ha insegnato il rispetto, la dedizione al lavoro, l'importanza di essere sempre degli scrupolosi e attenti professionisti. Ed è proprio crescendo giorno per giorno al suo fianco che ho imparato il mestiere.

Papà non ha mai fatto una vacanza in tanti anni e diceva sempre che avrebbe fatto il viaggio di nozze quando io avessi preso il suo posto. Purtroppo questo sogno non si è potuto realizzare. Oggi>>, spiego , l'impresa che con tanta fatica mio padre ha tirato su e grazie ai suoi preziosi insegnamenti è un'azienda avviata e apprezzata che svolge funerali completi a foggia e nelle zone limitrofe. Ad aiutarmi, oltre ad alcuni collaboratori, c'è mio figli Aurelio che ha ereditato dal nonno, il suo nome, ma anche la passione per questo mestiere.

Si sta affacciando in questo mondo ma, nonostante abbia la sua età dimostra di essere il suo lavoro.

Share by: